Notizie dell'Università della Svizzera italiana

Il premio Servier-SCT "Award for the Young Research in Medicinal Chemistry" 2016 al Prof. Vittorio Limongelli

Alla 24esima edizione del Young Research Fellow Meeting, organizzato dalla Società di chimica farmacologica francese (Société de Chimie Thérapeutique) lo scorso 8-10 febbraio a Châtenay-Malabry (Parigi, Francia), il professor Vittorio Limongelli (Istituto di scienza computazionale, Facoltà di scienze informatiche) ha ricevuto il premio Servier-SCT “Award for the Young Researcher in Medicinal Chemistry” 2016, per la sua ricerca nel campo della farmacologia computazionale.

Il premio di 2000 euro è sponsorizzato dall’Institut de Recherches Servier (IdRS) ed è conferito ogni anno, dal 1985, per l’eccellenza nella ricerca condotta da giovani ricercatori nel mondo.

Vittorio Limongelli si è laureato all’Università Federico II di Napoli con un Master in chimica e tecnologia farmaceutiche nel 2004 e successivamente con un dottorato nel 2007. Durante questo periodo è stato in visita all’Università di Bologna e all’ETH Zürich, concentrando la sua ricerca sulle metodologie computazionali standard (ad esempio docking molecolare, modellizzazione in omologia) applicate allo studio di sistemi in ambito biofarmacologico.

Il suo lavoro di post-dottorato, presso l'ETH, è stato condotto nel campo delle simulazioni di campionamento avanzati utilizzati per studiare eventi rari in biosistemi, con attenzione particolare sui processi di legame molecolari. In dicembre 2010 è stato assunto in qualità di ricercatore presso l’Università Federico II di Napoli e, nel 2014, è stato abilitato professore associato.

Nel 2015 si trasferisce in Svizzera dopo la nomina quale professore assistente senior all’USI, presso l’Istituto di scienza computazionale (ICS) dove si occupa di biologia computazionale, farmacologia in-silicio e Drug Design (progettazione di farmaci). Nel 2013 il professor Limongelli ha ricevuto il Premio Scrocco della Divisione di Chimica Teorica e Computazionale della Società Chimica Italiana per l'originale contributo allo studio di fenomeni biologici mediante l’applicazione di metodi computazionali avanzati.

La Società di chimica farmaceutica francese è un’organizzazione senza scopo di lucro fondata nel 1966 che mira a promuovere la conoscenza nelle principali aree di ricerca e sviluppo farmacologica, in particolare la ricerca e la conferma di obiettivi biologici d’interesse medicinale, di screening, progettazione, ottimizzazione e selezione di potenziali farmaci, biologia chimica, chimica farmaceutica, farmacocinetica, metabolismo e tossicità.

 

__

The Servier-SCT "Award for the Young Researcher in Medicinal Chemistry" 2016 goes to Prof. Vittorio Limongelli

At the 24th Young Research Fellow Meeting, held by the French Medicinal Chemistry Society (Société de Chimie Thérapeutique) in Châtenay-Malabry (Paris, France) on February 8-10, 2017, USI professor Vittorio Limongelli (Institute of Computational Science, Faculty of Informatics) received the Servier-SCT "Award for the Young Researcher in Medicinal Chemistry" 2016, for his research in the field of computational pharmacology.

The prize of 2000 euros is sponsored by the Institut de Recherches Servier (IdRS) and is awarded every year, since 1985, to promote world-class research and also to support young researchers.

Professor Limongelli began his academic career with Master in Chemistry and Pharmaceutical Technology in 2004, followed by a Ph.D in 2007, both at the University of Naples "Federico II". During his graduate and post-graduate studies, which include visiting positions at the University of Bologna and ETH Zurich, his research was focused on standard computational methodologies (e.g. molecular docking, homology modeling) applied to the study of systems of biopharmaceutical interest.

His post-doctoral work, at ETH Zurich, was conducted in the field of enhanced sampling simulations used to study rare events in biosystems with a special focus on molecular binding processes. In December 2010, he got a permanent position as Researcher at the University of Naples "Federico II" and in 2014, he obtained the qualification of Associate Professor in Italian universities.

In 2015, he moved to Switzerland, where he was appointed Senior Assistant Professor at Università della Svizzera italiana, in Lugano), at the Institute of Computational Science, where he specializes in Computational Biology, in-silico Pharmacology and Drug Design. Prof. Limongelli was awarded, in 2013, the "Premio Scrocco" conferred by the Division of Theoretical and Computational Chemistry of the Italian Chemical Society for his original contribution to the study of biological phenomena by applying advanced computational methods.

The French Medicinal Chemistry Society (Société de Chimie Thérapeutique, S.C.T) is a non-profit organisation founded in 1966, whose missions are to promote knowledge in key areas of pharmaceutical research and development, particularly in the research and validation of biological targets of therapeutic interest, screening, design, optimization and selection of drug candidates, chemical biology, medicinal chemistry, pharmacokinetic, metabolism and toxicity.