#pi¨italiano: una campagna per non restare seduti

Più italiano significa più Svizzera: è questo lo spirito della campagna di sensibilizzazione #piùitaliano, la cui mascotte è un cuscino con il messaggio "+ posto per l'italiano" che si fa fotografare in giro per la Svizzera, ogni tanto con gente comune o personalità importanti di vari ambiti. Un modo simpatico e insolito per dare visibilità alla lingua e alla cultura della terza regione linguistica e per valorizzare il plurilinguismo che da sempre caratterizza l'identità della Svizzera.

fotogallery base
Segui le avventure del cuscino sul profilo Instagram: @piu_italiano

Perché un cuscino
Inizialmente parte dell’allestimento dell’iniziativa dell‘USI + identità: Settimana della Svizzera italiana, il cuscino è diventato, grazie all’interesse dell'Intergruppo parlamentare Italianità e della Delegata federale al plurilinguismo, una sorta di mascotte per la valorizzazione della lingua e della cultura svizzero-italiane.
Il cuscino, in questo quadro, rappresenta simbolicamente un posto da "riservare" - per usare un tipico "svizzeroitalianismo" - all'italiano, come si prenota il posto a tavola ad un amico o un ospite gradito. Nella nostra visione della "tavola Svizzera" ci sono quattro sedie fisse, a rappresentare ciascuna delle quattro identitÓ culturali fondanti del nostro paese.
Una campagna quindi per celebrare la nostra specificità: quella di essere un paese con più identità! Perché come diceva Ludwig Wittgenstein: „I limiti del mio mondo sono i limiti del mio linguaggio.“
Chi fosse interessato a ricevere il cuscino di #piùitaliano per aiutarci a dare più posto all’italiano, può farne richiesta a nicole.bandion@usi.ch (per coprire i costi di produzione e di invio, è richiesto un contributo di 15 CHF. Cuscino e spedizione sono gratuiti per i docenti d'italiano attivi in Svizzera).