Donne in guerra - Donne di pace. Un'esposizione sull'impegno delle donne per la pace. Ieri e oggi. Lugano, 17-28 maggio 2004

2004-05-05T00:00:00+02:00

L’esposizione è dedicata a tutte le donne che, in ogni tempo e ovunque nel mondo si sono opposte e si oppongono alla guerra. Nel corso della storia le donne hanno adottato diverse strategie in difesa della pace. Fino alla fine della seconda guerra mondiale sono stati privilegiati i canali istituzionali, mentre oggi la promozione della pace ha assunto forme più concrete e diversificate. Per mostrare questa evoluzione l’esposizione è suddivisa in due grandi capitoli: il primo storico, il secondo tematico. L’esposizione è stata concepita e realizzata da Corinne e Martine Chaponnière con la collaborazione di Catherine Aeschbach e Elisabeth Hallauer che hanno potuto contare sul sostegno di numerosi enti e organizzazioni: Confederazione, università di Ginevra, Fondazione Gosteli, Comitato internazionale della Croce Rossa ecc. L’organizzazione in Ticino è stata curata dal Servizio pari opportunità USI, dalla Consulenza per la condizione femminile, dalla Commissione Gender SUPSI e da Amnesty International. Hanno inoltre collaborato il Consorzio Servizio Civile Regione Lugano, il Gruppo per la pace del Liceo Lugano 2 e il Movimento donne per la pace Ticino.

La prima parte dell’esposizione presenta dieci pioniere svizzere della pace che si sono particolarmente distinte per il loro impegno e la loro tenacia fra il 19esimo e il 20esimo secolo: Valérie de Gasparin (1813-1894), Marie Goegg-Pouchoulin (1826-1899), Marguerite Gobat (1870-1937), Clara Ragaz-Nadig (1874-1957), Gertrud Woker (1878-1968), Clara Guthrie d’Arcis (1879-1937), Hélène Monastier (1882-1976), Ida Somazzi Soma (1882-1963), Gertrud Kurz-Hohl (1890-1972), Marguerite Nobs (1891-1975). Diverse qualità accomunano queste donne militanti a favore della pace: sono coraggiose e non temono né il sarcasmo né l’insuccesso. Questo primo capitolo dell’esposizione permette di scoprire alcune personalità poco conosciute della storia svizzera. Le dieci pioniere della pace operarono con molta modestia e discrezione a favore della pace.

La seconda parte della mostra mette invece l’accento sulle forme d’azione e d’impegno civile scelte dalle donne dei giorni nostri per promuovere, favorire o mantenere la pace. L’impegno delle donne a favore della pace si manifesta attraverso molteplici progetti concreti e iniziative private con diverse finalità: pacifismo, femminismo, aiuto allo sviluppo, difesa dei diritti umani e giustizia sociale. A queste iniziative si aggiunge l’azione attraverso le istituzioni internazionali, statali e le organizzazioni non governative (ONG). I pannelli presentano dodici diverse forme d’intervento, tra i quali citiamo: i simboli, la protesta, il dialogo, la partecipazione, l’empowerment, la resistenza.

L’esposizione ”Donne in guerra. Donne di pace” ha luogo presso il Liceo 2 di Savosa dal 17 al 28 maggio 2004. Orari d’apertura: dalle 8 alle 19 nei giorni con attività scolastica. Giovedì 20 e domenica 23 maggio 2004: dalle 14 alle 18. Nell’atrio dell’Università della Svizzera italiana a Lugano è possibile ammirare l‘installazione della scultrice Monika Meschke “Tre donne” che rappresenta l’emblema dell’esposizione.

Informazioni per l’organizzazione di visite guidate:
Barbara Balestra, Servizio per le pari opportunità USI, tel. 091 912 46 12
Estelle Rechsteiner, Amnesty International, tel. 091 966 34 74 (al mattino)

Events
05
December
2021
05.
12.
2021
07
December
2021
07.
12.
2021