Serata pubblica alla scoperta dei Gilet gialli

Lugano, 18 marzo 2019 – Lunedì 25 marzo, alle 18.30 nell'aula A31 del campus di Lugano il sociologo francese Michel Wieviorka stilerà un bilancio politico e culturale dei primi quattro mesi di vita dei Gilet Gialli, che hanno portato nuova inventiva nel repertorio della mobilizzazione e rimesso in questione la verticalità del potere in Francia. La conferenza - che si terrà in lingua francese ed è intitolata "Inventivité et violences face à la verticalité du pouvoir" ("Inventiva e violenze contro la verticalità del potere") - sarà preceduta dal saluto del Rettore dell’USI Boas Erez, al quale seguirà un’introduzione a cura del Direttore dell’Istituto di comunicazione pubblica Jean-Patrick Villeneuve.


I Gilet gialli hanno quattro mesi di vita. Hanno portato inventiva nel repertorio della mobilizzazione riuscendo ad ottenere una presenza sull’insieme del territorio. Mettendo in questione la verticalità del potere, i Gilet Gialli hanno esaltato una logica bottom-up senza mediazione, indirizzandosi direttamente alle sfere più alte del potere: il loro funzionamento è definito da un’orizzontalità che rifiuta di passare alle modalità tipiche della politica. Tuttavia non hanno costruito un’utopia, un controprogetto: si tratta soprattutto di un movimento difensivo. Dal canto suo il potere è innanzitutto stato destabilizzato, per poi inventare una risposta inedita: il Grande dibattito nazionale.

Quale è dunque il bilancio politico e culturale di questa esperienza? C’è stato un incontro reale tra il potere e i Gilet gialli, oppure si tratta di due processi che evolvono nella direzione di un dialogo tra sordi? Di fronte a queste dinamiche, e nel momento in cui diversi paesi, tra cui la vicina Italia, sono tentati dal populismo, dal nazionalismo e dall’idea che alle questioni sociali si possano dare risposte identitarie (l’Islam, i migranti, l’identità nazionale), a che punto si trova il modello francese?

Questi importanti interrogativi saranno affrontati da Michel Wieviorka, presidente della Fondazione Maison des sciences de l’Homme e direttore di ricerca presso l'Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi. Già presidente dell’International Sociological Association (2006-2010),  Wieviorka è membro del Consiglio scientifico dell'European Research Council (ERC). Le sue ricerche si concentrano sui movimenti sociali, la diversità, il multiculturalismo e le diverse forme del male (razzismo, terrorismo, violenze, antisemitismo). Su queste questioni Michel Wieviorka interviene regolarmente nei grandi media francesi, europei e internazionali.

La conferenza è proposta nel contesto delle attività del Master of Advanced Studies in Intercultural Communication dell’USI, nel quale il prof. Wieviorka insegna da anni nell’ambito del modulo “Multiculturalim and Diversity”.

Eventi
Aprile
2021

#USI25 - Online Master Info Week

Accademia di architettura, Facoltà di comunicazione, cultura e società, Facoltà di scienze biomediche, Facoltà di scienze economiche, Facoltà di scienze informatiche
Aprile
2021