La Svizzera per Venezia, anche online. Presentazione del sito della Fondazione Svizzera Pro Venezia www.provenezia.ch

9 Maggio 2014

Il laboratorio webatelier.net della Facoltà di scienze della comunicazione dell’USI, in collaborazione con la Fondazione Svizzera Pro Venezia e con l’UNESCO Chair dell’USI, hanno creato la prima piattaforma online della Fondazione: www.provenezia.ch con lo scopo di presentare al pubblico la sua storia e le attività che essa dedica al recupero e alla conservazione del patrimonio artistico veneziano.

La Fondazione Svizzera Pro Venezia è stata costituita il 3 luglio 1972 in risposta alla chiamata dell’UNESCO e del Consiglio d'Europa, che si erano rivolti alla comunità internazionale perché contribuisse al salvataggio di Venezia dopo la grande alluvione del novembre 1966. Da allora, la Fondazione sostiene il recupero e la conservazione del patrimonio artistico veneziano, con particolare riguardo alle opere dei molti architetti, artisti e artigiani svizzeri attivi nei secoli nella Serenissima.

La piattaforma, prima vera finestra digitale della Fondazione, è il risultato tangibile di un progetto di comunicazione online di tre studentesse (Alessia Borrè, Jessica Caverzasi e Elmira Gazizova) del laboratorio webatelier.net, nell’ambito delle attività dell’UNESCO Chair in ICT to develop and promote sustainable tourism in World Heritage Sites, diretta dal decano della Facoltà di scienze della comunicazione dell’USI prof. Lorenzo Cantoni e in collaborazione con l’agenzia di comunicazione Paolo Spalluto e FP Web Solutions di Fabio Poncioni per la parte tecnica.

La Dr. Elena Marchiori ha presentato i contenuti della piattaforma online che prevede un sito web disponibile per ora in lingua italiana e nei prossimi mesi anche nelle lingue inglese, tedesco e francese. Il sito è strutturato in sette sezioni principali che illustrano la storia, i restauri svolti e in corso, le pubblicazioni e la relativa possibilità di richiedere l’accesso al materiale pubblicato oltre che la possibilità di contattare la Fondazione per sostenerla con donazioni o diventarne soci.

I restauri presentati nel sito web di Pro Venezia sono la Chiesa di San Stae, la Colonna di Marco, dipinti di Tintoretto e G.A. Fumiani conservati nella Chiesa di San Rocco, la facciata di Santa Maria del Giglio, la scultura di Tommaso Lombardo nella Chiesa di San Sebastiano, due dipinti di Paolo Pagani, l’altare di Sant’Antonio ai Frari, il cimitero evangelico, il monumento Mocenigo, un dipinto di Pietro Chiesa, dipinti di Francesco Solimena, la lastra tombale di Giuseppe Sardi e il portale di Santa Maria del Carmelo.

Secondo il prof. Lorenzo Cantoni “la collaborazione con la Fondazione Svizzera Pro Venezia ha permesso di declinare al meglio il contributo che le tecnologie dell’informazione e della comunicazione possono offrire a servizio del patrimonio culturale, e della promozione di un turismo consapevole del valore dei luoghi visitati”, obiettivi specifici della cattedraUNESCO in ICT to develop and promote sustainable tourism in World Heritage Sites.

Secondo l’avv. Giordano Zeli “La collaborazione con l'USI e in particolare con la Cattedra UNESCO ha permesso di raggiungere l’obiettivo della Fondazione di divulgare maggiormente gli obiettivi e l'attività della Pro Venezia e invogliare nuove persone ad aderire ad un progetto così bello e importante dedicato al recupero e alla conservazione del patrimonio artistico veneziano. Grazie a Paolo Spalluto è nata l'idea di coinvolgere l'Università e i suoi studenti: è certamente sensibilizzando e coinvolgendo i giovani, come già fatto con gli studenti di restauro della SUPSI per il restauro del Portale della Chiesa dei Carmini, che la salvaguardia del patrimonio culturale è garantita anche nei prossimi anni!”.

Secondo Fabio Poncioni "Per me e per la Paolo Spalluto Comunicazione questo progetto è stato una sfida, sicuramente riuscita e decisamente particolare. Non tanto per la complessità tecnica del sito internet, ma piuttosto per la composizione speciale del gruppo di lavoro che ci ha visti ritornare tra i banchi di scuola e dedicarci alla parte didattica con le studentesse del laboratorio webatelier.net sui temi della comunicazione online. Una collaborazione quindi sinergica e positiva tra il mondo delle agenzie e l’università che non ci capita spesso considerati i nostri clienti commerciali abituali”.

Eventi
25
Giugno
2022
25.
06.
2022
30
Giugno
2022
30.
06.
2022

Device Accelerated solvers with PETSc: current status, future perspectives, and applications

Facoltà di scienze biomediche, Facoltà di scienze economiche, Facoltà di scienze informatiche
01
Luglio
2022
01.
07.
2022

Scalable Gaussian Processes

Facoltà di scienze informatiche
06
Luglio
2022
06.
07.
2022

Robust Sensor-based Recognition of Human Behavior

Facoltà di scienze informatiche