Eventi

Decimo Dies Academicus dell'Università della Svizzera italiana

L’Università della Svizzera italiana ha compiuto 10 anni! Si è tenuto oggi il decimo Dies Academicus.

Il Dies Academicus è un importante momento di incontro e di informazione sullo sviluppo dell’USI nel contesto della nostra regione e nelle sue relazioni con il sistema universitario svizzero e la comunità accademica internazionale. Il decimo anniversario è stato anche l’occasione per un bilancio e per festeggiare il successo del progetto universitario nella Svizzera italiana.

Il programma è iniziato con la relazione del presidente dell’Università, Marco Baggiolini, prossimo alla conclusione del suo mandato decennale, terminato infatti al termine dell'anno accademico. Baggiolini si è soffermato sulle tappe più significative della crescita dell’USI, avvenuta in un periodo fra i più movimentati e creativi per il sistema universitario nazionale, che ha confrontato gli atenei con importanti sfide offrendo ad una nuova Università interessanti opportunità di sviluppo.

Il Consigliere federale Pascal Couchepin, capo del Dipartimento degli Interni, fautore e osservatore attento della formazione e della ricerca universitaria, ha presentato le sue riflessioni sul patrimonio accademico del nostro paese e le sue opportunità per il nostro futuro.

Due sono stati i dottorati honoris causa conferiti.
Stephen A. Ross, professore al Massachusetts Institute of Technology, è stato onorato dalla Facoltà di scienze economiche «per il suo fondamentale contributo alla teoria delle valutazioni di attività finanziarie e decisioni aziendali».

Leslie Lamport, ricercatore scientifico di Microsoft Research in California, è stato onorato dalla Facoltà di scienze informatiche «per i suoi contributi pionieristici ai fondamenti teorici dei sistemi informatici distribuiti»

Il programma si è chiuso con un saluto di Piero Martinoli, professore di Fisica all’Università di Neuchâtel, il quale è subentrato alla presidenza dell'USI a termine del mandato di Marco Baggiolini.

 

Il dottorato honoris causa viene conferito a persone che si siano distinte per l’eccellenza del loro operato in campo scientifico e professionale. Il dottorato honoris causa è attribuito dal Consiglio dell’Università su proposta di una Facoltà (articolo 38 Statuto USI). Le proposte delle Facoltà di Scienze economiche e di Scienze informatiche sono state ratificate dal Consiglio dell’Università nella seduta del 24 febbraio 2006.
Sono stati tre, finora, i dottori h. c. dell’USI: John R. Searle, filosofo del linguaggio, professore alla University of California at Berkeley (maggio 2003), Robert F. Engle, specialista in econometria finanziaria, professore alla New York University (novembre 2003), e Giuseppe Panza di Biumo, grande, innovativo collezionista di arte contemporanea, residente a Massagno (maggio 2005).
Particolare interessante: qualche mese dopo la delibera del conferimento del dottorato honoris causa dell’USI, il professor Engle è stato insignito del premio Nobel.

Stephen A. Ross è professore di finanza ed economia al Massachusetts Institute of Technology di Boston nonché direttore e CEO di Compensation Valuation, azienda leader nel campo degli strumenti finanziari. In passato ha insegnato economia e finanza alla Wharton School della University of Pennsylvania e quindi alla Yale University. È autore di più di cento articoli scientifici nel campo dell’economia e della finanza e co-autore di un noto testo introduttivo sulla finanza. Dopo la laurea in fisica, Ross ha ottenuto il dottorato alla Harvard University (1970). È l’inventore della «Teoria dell’Arbitrage Pricing » e della «Teoria dei costi di agenzia» ed ha contribuito alla scoperta di metodi di valutazione basati sulla neutralità rispetto al rischio, e all’elaborazione di modelli binomiali per valutare i derivati. I modelli sviluppati con i suoi collaboratori nell’ambito dei tassi d'interesse e delle opzioni, sono ormai diventate metodologie standard per le maggiori banche.
Ross ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, tra cui il «Graham and Dodd Award» per autori nel campo della finanza, il «Pomerance Prize» per le sue ricerche sulla valutazione delle opzioni, lo «University of Chicago's Leo Melamed Prize» per la miglior ricerca nell’ambito di una business school e, nel 1996, il «Financial Engineer of the Year Award». È stato presidente dell’American Finance Association, ed è membro della società di econometria e dell’American Academy of Arts and Sciences. È stato consulente di banche di investimento, di grandi aziende e di Dipartimenti governativi degli Stati Uniti come quello del Tesoro e quello del Commercio. È stato presidente dell’American Express Advisory Panel, direttore di General Re e del CREF ed è attualmente presidente del consiglio di amministrazione della IV Capital di Londra, membro del consiglio di amministrazione di Freddie Mac e del California Institute of Technology.

Leslie Lamport, ricercatore scientifico di Microsoft Research in California è uno dei più affermati ricercatori informatici al mondo. Ha conseguito il dottorato in matematica nel 1972 alla Brandeis University con una dissertazione sulle singolarità nelle equazioni differenziali parziali analitiche, tema che lo ha preparato ad una brillante carriera di ricercatore presso importanti centri di ricerca presso Computer Associates del Massachusetts, Digital e Compaq. Ha contribuito in modo fondamentale allo sviluppo delle basi teoriche dei sistemi informatici distribuiti ed ha sviluppato con il linguaggio TLA+ (the Temporal Logic of Actions) una logica per specificare e ragionare sui sistemi reattivi e concorrenti, che definisce «un tentativo di sormontare l’antipatia degli ingegneri per la matematica».
Lamport ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui i dottorati honoris causa del Politecnico Federale di Losanna e delle Università di Rennes e di Kiel. Nel 2004 è stato insignito dello «IEEE Piore Award» per il suo contributo nel settore dell’elaborazione dei dati informatici, ritenuto altamente significativo per l’avanzamento della scienza e il miglioramento della società. È inoltre famoso come in quanto autore di LaTeX, un sistema per la formattazione di testi molto utilizzato nella ricerca e nell’editoria professionale.

Le fotografie della cerimonia sono disponibili al seguente link. Qui di seguito la cartella stampa: