Apertura mostra e conferenza omaggio a Koulermos

2004-11-25T00:00:00+01:00

Apertura mostra
Panos
Koulermos 1933-1999. Dal Razionalismo alla Tendenza
&
Conferenza
Omaggio a Koulermos
con
interventi di Spyros Amourgis, Kenneth Frampton e Elias Zenghelis

L’esposizione
Panos Koulermos 1933-1999. Dal Razionalismo alla Tendenza
sarà inaugurata giovedì 2 dicembre 2004 alle 18 all’Accademia di architettura a Mendrisio (Hall dell’Edificio
Canavée). La mostra, curata da Kenneth Frampton, è promossa dall’Archivio del Moderno e dall’Accademia
di architettura in collaborazione con l’Istituto Ellenico di architettura di Atene.
Al
termine della vernice è previsto un aperitivo offerto dall’Ufficio del Turismo di Cipro a Zurigo e dal
Consolato Generale di Cipro a Ginevra.
Seguirà
alle 20 nell’Aula Magna dell’Accademia di architettura la conferenza Omaggio
a Koulermos, con interventi di Spyros Amourgis, Kenneth Frampton e Elias Zenghelis.
I posti in sala saranno disponibili sino a esaurimento. Per la conferenza, in lingua inglese, sarà possibile
utilizzare un sistema di radiocuffie per la traduzione in italiano, fino a esaurimento dei quantitativi.
ECCEZIONALMENTE
IL DOPPIO APPUNTAMENTO SI TERRÀ GIOVEDÌ E NON, COME DI CONSUETO, MERCOLEDÌ.

La donazione
dell’archivio professionale di Panos Koulermos all’Archivio del Moderno di Mendrisio ha permesso l’avvio di una ricerca triennale sull’attività
progettuale dell’architetto greco-cipriota che è stata sostenuta dal Fondo Nazionale Svizzero per la
Ricerca Scientifica. L’esposizione consentirà di dare ampia visibilità ai risultati della ricerca e di far conoscere al pubblico
le tappe più significative del percorso professionale e didattico di Panos Koulermos.

Lo
studio dell’attività di Koulermos, tra i fondatori dell’Accademia di architettura di Mendrisio dell’Università della Svizzera italiana, ha messo in evidenza la dimensione internazionale
dell’architetto greco-cipriota, parallelamente attivo come architetto e docente di progettazione, distinguendosi
nell’uno e nell’altro campo per la sua capacità di mantenere una coerenza tra contenuti e obiettivi,
pur nella continua migrazione di luoghi e linguaggi. Koulermos rappresenta una figura di spicco della
cultura architettonica del secondo Novecento per il rigore e l’integrità etica con cui ha perseguito,
durante la lunga carriera professionale e accademica, la ricerca sull’influenza che la qualità della
forma della struttura esercita sulla qualità della forma dello spazio.
Antiorganico
per definizione, Koulermos coltiva per tutta la vita un profondo interesse per l’architettura razionale
italiana e per l’eredità classica di cui si sente parte.

Di
tutto ciò parlano i suoi lavori, i suoi progetti, i suoi appunti, i suoi schizzi che saranno presentati
nella mostra: di un uomo profondamente interessato alla qualità di quei luoghi che hanno il compito
di accogliere quotidianamente la vita.
La mostra comprende cinque
sezioni: quattro sono suddivise per aree geografiche e fanno riferimento al percorso esistenziale e
dunque ai luoghi dove Koulermos ha vissuto e operato (Londra, Grecia, America e Italia); la quinta sezione
è dedicata ai grandi concorsi e alle consulenze.

Tra i progetti
in mostra: Edificio multipiano per abitazioni e uffici, Swiss Cottage, Londra, 1959-1963; Palazzo per
uffici, piazza Omonia, Atene, 1965; ampliamento del Tabacchificio Papastratos, Pireo, Atene, 1965-1969;
Uffici per l’Autorità Portuale del Pireo, Pireo, Atene, 1970; Centro polifunzionale, piscina e residenza per studenti, Venezia,
1980; Art Center, Santa Monica, 1982; Municipio di West Hollywood, Los Angeles, 1987; Centro di ricerca
cretese (RCC) e altri edifici dell’Università di Creta (Vecchio Campus), Iraklion, Creta, 1985-1993;
Polo scientifico dell’Università di Creta (Nuovo Campus), Iraklion, Creta, 1986-1990; Parco della scienza
e della tecnica della Fondazione Ellenica per la Ricerca e la Tecnologia (FORTH), Iraklion, Creta, 1987-1994;
Complesso per il parlamento di Cipro, Nicosia, Cipro, 1994.

Panos
Koulermos

Panos Koulermos nasce a Cipro nel 1933. Lascia
l’isola a 18 anni per iniziare il suo lungo viaggio nel mondo. La prima tappa è Londra, dove studia
architettura al Polytechnic of Central London, School of Architecture and Planning (oggi Westminster
University). Nel 1962 si trasferisce a Milano per studiare urbanistica al Politecnico. Tre anni dopo
si sposta con la famiglia ad Atene dove si dedica alla pratica dell’architettura. Il passo successivo,
nel 1973, è Los Angeles, dove si ferma per 23 anni e, accanto al proprio studio di architettura, è titolare
di una cattedra di progettazione alla University of Southern California, di cui sarà anche rettore.
Nel 1996 fa ritorno in Europa per diventare uno dei membri fondatori e professore di progettazione della
nuova Accademia di architettura dell’Università della Svizzera italiana a Mendrisio. Nel 1999 muore
improvvisamente mentre si trova all’Università della Carolina del Nord.

Koulermos
ha insegnato in diverse scuole di architettura in Europa e in America, oltre che alla University of
Southern California e all’Accademia di architettura di Mendrisio: in Europa presso l’Istituto Universitario
di Architettura di Venezia, il Politecnico di Milano, l’Architectural Association di Londra e l’Università
di Atene; in America presso la University of Illinois School of Architecture di Chicago, la School of
Architecture University of California a Berkeley, la UCLA, la Cornell University, la Columbia University, la Cooper Union, la Universidad Nacional Autonoma de Mexico e l’Universidad Autonoma de Nuevo Leon a Monterrey.

Allestimento
della mostra
Progetto di Manuel e Francisco Aires Mateus, Lisbona.

L’itinerario
della mostra
La mostra sarà inaugurata giovedì 2 dicembre 2004
presso l’Accademia di architettura di Mendrisio, quindi presentata a Nicosia nell’autunno 2005 in occasione
dell’apertura della facoltà di architettura dell’Università di Cipro e nella primavera del 2006 ad Atene
nelle nuove sale del prestigioso Museo Benaki, in concomitanza con il Congresso internazionale dell’ICAM
(International Confederation of Architectural Museums).

Patrocini
La
mostra ha il patrocinio del Dipartimento Federale dell’Interno della Svizzera, del Ministero della Cultura
della Grecia e del Ministero dell’Istruzione e della Cultura di Cipro.

Sostenitori

La
ricerca ha beneficiato del sostegno del Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca Scientifica.

Il catalogo
In
occasione della mostra viene edito il volume monografico Panos Koulermos. Opera completa,
a cura di Kenneth Frampton, pubblicato dalle Edizioni dell’Accademia di architettura, nella collana
Archivio del Moderno. Il volume presenta saggi di Kenneth Frampton, Andreas Giacumacatos, Rolando Bellini,
Spyros Amourgis, Nikos Kalogeras e offre un’analisi dell’opera completa di Panos Koulermos, firmata
da Gennaro Postiglione.
Il volume è pubblicato grazie al sostegno di
Pirelli. In occasione dell’esposizione a Nicosia e ad Atene sarà prodotta un’edizione del catalogo in
lingua inglese.

Scheda riassuntiva (pdf, 56
kb)