Quarantotto pagine: Michael Jakob, L'architettura del paesaggio

Quarantotto pagine: Michael Jakob, L’architettura del paesaggio, Mendrisio, Academy Press
Quarantotto pagine: Michael Jakob, L’architettura del paesaggio, Mendrisio, Academy Press
Quarantotto pagine: Michael Jakob, L’architettura del paesaggio, Mendrisio, Academy Press
Quarantotto pagine: Michael Jakob, L’architettura del paesaggio, Mendrisio, Academy Press
Quarantotto pagine: Michael Jakob, L’architettura del paesaggio, Mendrisio, Academy Press
Quarantotto pagine: Michael Jakob, L’architettura del paesaggio, Mendrisio, Academy Press
Quarantotto pagine: Michael Jakob, L’architettura del paesaggio, Mendrisio, Academy Press
Quarantotto pagine: Michael Jakob, L’architettura del paesaggio, Mendrisio, Academy Press
Quarantotto pagine: Michael Jakob, L’architettura del paesaggio, Mendrisio, Academy Press
Quarantotto pagine: Michael Jakob, L’architettura del paesaggio, Mendrisio, Academy Press
Quarantotto pagine: Michael Jakob, L’architettura del paesaggio, Mendrisio, Academy Press
Quarantotto pagine: Michael Jakob, L’architettura del paesaggio, Mendrisio, Academy Press

Accademia di architettura

«Per conferire una base solida all’insegnamento di teoria dell’architettura del paesaggio bisogna iniziare con la creazione di un atlante critico delle opere realizzate durante la breve storia della disciplina. Occorre identificare, analizzare e interpretare queste opere, cioè svolgere un vero e proprio lavoro ermeneutico. Le attività di ricerca nel campo dell’architettura del paesaggio dovrebbero partire proprio da qui, dalla storia non ancora scritta della disciplina. Quest’attività dovrà procedere in modo comparatistico e aperto, scrutando a vasto raggio tutto ciò che potrà entrare in un repertorio (argomentato) dell’architettura del paesaggio. Finché un tale strumento mancherà, un insegnamento della disciplina rimarrà sempre riduttivo e approssimativo» (Michael Jakob).

Facoltà