Eventi
Giugno
2017

Struttura organizzativa Facoltà e istituti

Facoltà

 

All’interno dell’assetto organizzativo dell’USI, le Facoltà godono di ampia autonomia in tema di formazione e ricerca. La loro struttura fondamentale, definita nello statuto dell’Università, contempla gli organi descritti di seguito.

  • Decanato

Il Decanato è composto da Decano e vice Decani; all’Accademia l’organo è definito Direzione ed è composto da Direttore, vice Direttore, Coordinatore di Direzione e Amministratore dell’Accademia. Il Decano (Direttore), assistito dai vice Decani – e all’Accademia dagli altri membri della Direzione – dirige e amministra la Facoltà, implementando le decisioni prese dal Consiglio di Facoltà e dal Consiglio dei professori; rappresenta inoltre la Facoltà in seno al Consiglio dell’Università.

  • Consiglio di Facoltà

Il Consiglio di Facoltà (Consiglio dell’Accademia) si pronuncia su tutte le questioni relative agli interessi generali della Facoltà, segnatamente sulle attività didattiche e di ricerca. In particolare, adotta i piani e i regolamenti degli studi, definisce i criteri delle posizioni accademiche messe a concorso ed elegge i rappresentanti della Facoltà in seno agli organi interni ed esterni all’Università. Presieduto dal Decano, il Consiglio di Facoltà è costituito da tutti i professori stabili (professori ordinari, straordinari, assistenti, titolari, aggregati), dai rappresentanti degli studenti e dai rappresentanti di docenti a contratto e/o corpo intermedio (assistenti, medici docenti di pratica clinica, architetti collaboratori di atelier, collaboratori scientifici, collaboratori didattici, lettori di lingua).

  • Consiglio dei professori

Il Consiglio dei professori (o Consiglio di Facoltà ristretto) individua i membri della Facoltà da coinvolgere nel processo di nomina dei nuovi professori, attribuisce i corsi ai docenti a contratto e propone i titoli di Dottore honoris causa e Professore emerito. È presieduto dal Decano ed è composto da tutti i professori di ruolo (ordinari e straordinari).

Per dettagli e particolarità sugli aspetti organizzativi di ciascuna Facoltà, rinviamo ai rispettivi statuti:

 

 

Comitato di direzione

Il Comitato di direzione è un’unità di coordinamento delle Facoltà tra di loro e con il Rettorato. Coadiuva il Rettore e gli altri membri del Rettorato nella conduzione ordinaria dell’USI. È composto dai membri del Rettorato e dai Decani delle Facoltà.

 

Decani attuali:

Marc Collomb

Direttore dell’Accademia di architettura

Marc Collomb (1953) è professore ordinario presso l’Accademia di architettura dell’USI. Ha conseguito i suoi studi a Losanna e a New York (Cooper Union), laureandosi in architettura al Politecnico federale di Losanna (EPFL). È stato professore invitato all’EPFL e alla Pennsylvania University. È contitolare dell’Atelier Cube, al quale l’Institut für Geschichte und Theorie der Architektur del Politecnico federale di Zurigo (ETH Zürich) ha dedicato una mostra nel 1997. È Direttore dell’Accademia di architettura.

Pagina personale e contatti

Mario Bianchetti

Decano della Facoltà di scienze biomediche

Mario Bianchetti (1949) si è diplomato in medicina umana all’Università di Berna nel 1975, specializzandosi successivamente in pediatria e nefrologia pediatrica. È stato primario di pediatria presso l’Ospedale regionale di Bellinzona e Valli e l’Ospedale regionale di Mendrisio (2003-2012), direttore sanitario dell’Ospedale regionale di Bellinzona e Valli (2010-2012) e direttore scientifico del Dipartimento di pediatria della Svizzera italiana, EOC (2013-2014). Dopo il dottorato in medicina (M. D.) all’Università di Berna (1980), ha svolto periodi di ricerca presso il medesimo ateneo, l’Università di Ginevra, l’Hôpital Necker Enfants Malades (Parigi, Francia) e la Clincia De Marchi (Milano, Italia). È stato Professore assistente e quindi Professore ordinario all’Università di Berna, dove ha diretto il Dipartimento di pediatria e nefrologia dal 1997 al 2003. È Decano della Facoltà di scienze biomediche dell’USI e membro del Consiglio dell’Università dal dicembre 2014.

Pagina personale e contatti

Andrea Rocci

Decano della Facoltà di scienze della comunicazione

Andrea Rocci (1970) è Professore ordinario presso la Facoltà di scienze della comunicazione dell’USI e direttore del Master in Financial Communication. Si è diplomato in lettere moderne, con indirizzo in comunicazioni sociali, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano (1995). Ha quindi ottenuto il diploma di studi superiori in linguistica all’Università di Ginevra (1999) e il dottorato in linguistica all’Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano (2001). Nel 2005 ha vinto una posizione di Professore assistente all’USI, passando a straordinario nel 2011 e a ordinario nel 2015. È Decano della Facoltà di scienze della comunicazione.

Pagine personale e contatti

Patrick Gagliardini

Decano della Facoltà di scienze economiche

Patrick Gagliardini (1974) è Professore ordinario di econometria presso la Facoltà di scienze economiche dell’USI. Si è diplomato in fisica al Politecnico federale di Zurigo (ETH Zürich) nel 1998. Nel 2003 ha conseguito il dottorato in economia all’USI con una tesi sull’econometria della finanza e successivamente ha passato un anno a Parigi presso il Center for Research in Economics and Statistics (CREST) grazie a una borsa di studio post-doc del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica. Dal 2004 al 2008 è stato professore assistente (Nachwuchsdozent) presso il Dipartimento di economia politica dell’Università di San Gallo. Tra 2008 e 2012 è stato titolare di una Junior Chair dello Swiss Finance Institute (SFI). È Decano della Facoltà di scienze economiche. 

Pagina personale e contatti

Kai Hormann

Decano della Facoltà di scienze informatiche

Kai Hormann (1974) è Professore ordinario presso la Facoltà di scienze informatiche dell’USI. Ha ottenuto il dottorato in informatica alla Friedrich-Alexander-Universität Erlangen-Nürnberg nel 2002 ed è stato quindi ricercatore post-doc al California Institute of Technology (Caltech) e al Consiglio nazionale delle ricerche (CRN) a Pisa, prima di essere nominato Professore assistente alla Technische Universität Clausthal nel 2004. È stato professore in visita presso la Freie Universität Berlin. Ha raggiunto l’USI nel 2009, dapprima come Professore straordinario. È Decano della Facoltà di scienze informatiche.

Pagina personale e contatti

Istituti

 

Sulla base dello statuto dell’USI, gli istituti sono unità di formazione e ricerca sostenute da una Facoltà o da più Facoltà congiuntamente, previa ratifica del Consiglio dell’Università.

Le competenze, i compiti, l’organizzazione e i membri degli istituti sono precisati in un accordo tra le Facoltà che sostengono l’istituto e il Rettorato (detto “contratto di istituto”). Nel medesimo sono fissati gli ambiti e i limiti entro i quali l’istituto può impegnarsi in nome proprio verso terzi. Il contratto ha durata limitata, rinnovabile.

Gli istituti non hanno personalità giuridica propria e sono diretti da un direttore designato tra i propri professori di ruolo (ordinari e straordinari) nell’ambito del contratto.  

  • Istituti affiliati

    L’affiliazione di un istituto di ricerca terzo all’USI è un processo che comporta l’integrazione dell’istituto nelle strategie e regole generali dell’USI. Gli istituti affiliati mantengono autonomia amministrativa.

    L’affiliazione è retta dalla Legge sull’Università della Svizzera italiana, art. 12a, e dallo Statuto della Svizzera italiana, art. 6a.

  • Istituti associati

    L’associazione di un istituto di ricerca terzo all’USI permette una sinergia istituzionalizzata tra l’Università e l’istituto in ambiti di interesse della politica universitaria cantonale senza che l’istituto venga integrato nelle strategie e regole generali dell’USI.

    L’associazione è retta dalla Legge sull’Università della Svizzera italiana, art. 12b.

  • Laboratori, centri, osservatori

    All’interno degli istituti possono essere create delle sotto-unità specializzate (laboratori, centri, osservatori), con il compito di svolgere progetti di ricerca focalizzati e/o di curare aspetti specifici della formazione.