Eventi

"100 donne e mille altre": Ilaria Espa

Servizio comunicazione istituzionale

Tra i volti di donna scelti per la campagna “100 donne e mille altre” incontriamo Ilaria Espa, professoressa assistente di International Economic Law all’Università della Svizzera italiana, Senior Research Fellow al World Trade Institute dell’Università di Berna e professoressa a contratto all’Università Statale di Milano. Cambiamenti climatici e promozione delle energie rinnovabili sono le parole chiave nel suo percorso di specializzazione in diritto internazionale dell’economia, diritto internazionale dell’ambiente e diritto dell’Unione Europea.

Un lavoro e un ambito di ricerca che lei stessa definisce una passione, proprio per la grande influenza che questi temi - come la regolamentazione dei flussi commerciali internazionali al tempo della globalizzazione o ancora i processi e le norme che definiscono i diritti e gli obblighi degli Stati rispetto all’adozione delle proprie politiche ambientali - hanno sulla nostra quotidianità. Una passione che si alimenta grazie all’interazione con i colleghi e professionisti ma soprattutto con il confronto con le giovani generazioni, tra le quali i suoi studenti, continua fonte d’ispirazione “per il loro modo di guardare in modo non convenzionale ai problemi e per la loro energia nel trovare soluzioni originali per migliorare l’attuale assetto normativo”. Anche se inizialmente capire come il sistema di regole create per affrontare le grandi sfide ambientali interagisca con il diritto internazionale dell’economia non è facile da comprendere. C'è invece una forte e crescente complementarietà, che Espa chiarisce così: “Da un lato, le politiche ambientali si basano spesso su strumenti di politica commerciale, dall’altro le regole del commercio internazionale autorizzano (sebbene a certe condizioni) tali strumenti proprio in virtù delle loro finalità ambientali”.

Autrice di molte pubblicazioni su temi a cavallo tra commercio e sviluppo sostenibile, Espa guarda anche alla realtà svizzera, agli sforzi del nostro paese per ridurre le emissioni. La Svizzera ha infatti ratificato tutti i maggiori trattati internazionali in materia di lotta ai cambiamenti climatici, il più recente dei quali è l’Accordo di Parigi: “proprio nel quadro di quest’ultimo Accordo, il Consiglio Federale ha recentemente rivisto verso l’alto i propri impegni dichiarando che, oltre a ridurre le proprie emissioni del 50% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, raggiungerà la cosiddetta neutralità climatica entro il 2050 (ossia, il raggiungimento del punto in cui le emissioni di gas a effetto serra non superano la capacità della terra di assorbire tali emissioni)” sottolinea Espa. Un percorso di sensibilizzazione anche verso l’opinione pubblica, presso la quale è importante spiegare i costi legati all’attuazione di politiche per la lotta ai cambiamenti climatici. “Il messaggio chiave che siamo chiamati a diffondere – continua Espa - è che la transizione verso un’economia sostenibile può e deve tramutarsi per il Paese in un’opportunità di crescita. Proprio in questo senso, il diritto internazionale dell’economia viene in soccorso di quei governi che, come la Svizzera, cercano strumenti efficaci ma economicamente efficienti per realizzare cambiamenti strutturali epocali come la transizione energetica”.  

Tra le persone che l’hanno ispirata Espa cita l'economista statunitense William Nordhaus, Nobel per l'Economia nel 2018 per i suoi studi relativi all’interazione tra economia e clima. Tra le donne, invece, sceglie l'astronauta Samantha Cristoforetti, modello per le giovani donne per "aver condotto una carriera sempre ai massimi livelli in un campo difficile e tradizionalmente dominato dalla presenza maschile”. Espa vede nel titolo della campagna stessa "100 donne e mille altre" un importante invito a conoscere modelli femminili forti, molti di più di quelli inclusi nel progetto, che hanno raggiunto risultati eccellenti in professioni molto diversificate.

Leggi il profilo di Ilaria Espa sul sito dell'iniziativa: https://100donne.ch/portraits/ilaria-espa/

Facoltà

Rubriche