L'eLearning a favore del turismo durante l'emergenza

Monte San Giorgio ©Ticino Turismo, foto di Jacques Perler
Monte San Giorgio ©Ticino Turismo, foto di Jacques Perler

Servizio comunicazione istituzionale

27 Aprile 2020

Le tecnologie digitali in questo periodo di emergenza sanitaria giocano un ruolo chiave in molti settori, anche in quello del turismo, particolarmente colpito dai cambiamenti in corso. La cattedra UNESCO dell’USI e l’Istituto di tecnologie digitali per la comunicazione (ITDxC) si occupano già da molti anni di ricerca nell’ambito dell’applicazione dell’eLearning nella formazione legata al turismo, visto come chiave per sostenere lo sviluppo e la resilienza di questo settore.

Proprio in questo contesto la cattedra UNESCO e l’ITDxC hanno dato libero accesso a tre MOOC – Massive Open Online Courses (“eTourism: Communication Perspectives” e i due volumi di “Tourism Management at UNESCO World Heritage Sites”) e ad altre risorse per l’apprendimento online (lista completa disponibile qui). L’iniziativa è stata segnalata, tra gli altri, dall’Organizzazione Mondiale del Turismo e dal Consiglio d’Europa. “L’UNESCO ha lanciato una coalizione mondiale per l’educazione, che vuole favorire le possibilità di apprendimento per i giovani (e non solo) durante l’emergenza covid-19. Noi abbiamo risposto a questo appello, certi del ruolo essenziale giocato dall’eLearning in molteplici campi. La possibilità di poter usufruire di corsi di apprendimento a distanza anche nel settore del turismo e del patrimonio è infatti oggi più che mai importante: con quest'offerta di risorse accessibili liberamente, come USI cerchiamo di fornire a chi opera nel turismo gli strumenti per affrontare le nuove dinamiche del settore, per poter ripartire con nuove idee per promuovere un turismo sostenibile, in particolare nei siti del patrimonio mondiale” spiega Lorenzo Cantoni, direttore della Cattedra UNESCO all’USI.

L’USI ha giocato un ruolo da pioniere in queste riflessioni, con numerosi workshop, pubblicazioni accademiche,  tesi di master e dottorato dedicate al tema dell’eLearning nel settore del turismo. Un esempio sono le ricerche svolte dalla docente e ricercatrice della Facoltà di comunicazione, cultura e società Nadzeya Kalbaska. “La ricerca sull’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione come metodi formativi nel campo del turismo era poco sviluppata e nel 2013, con la mia tesi di dottorato, ho mappato le offerte di apprendimento online sulle destinazioni turistiche nazionali proposte agli operatori del turismo” spiega Kalbaska. Kalbaska ha così studiato, grazie anche al contatto con la direzione di Svizzera Turismo, come l’eLearning potesse essere integrato nella prassi in materia di risorse umane all’interno dei Ministeri del Turismo nel loro ruolo di formatori di professionisti nel settore (agenti di viaggio, tour operators, consulenti) competenti per destinazioni turistiche nel mondo. La collaborazione con Svizzera Turismo si è in seguito consolidata ulteriormente: l'ente turistico nazionale si è infatti rivolto all'USI per riprogettare il proprio corso eLearning e studiare la sua performance. È nata così la Switzerland Travel Academy che aiuta gli agenti di viaggio a comprendere meglio la Svizzera, ottenere certificazioni, e indirizzare i viaggiatori verso le destinazioni adatte a loro. “La missione più importante di questo corso online è fornire agli operatori turistici la flessibilità dei contesti di apprendimento (ad esempio possono studiare da casa o in ufficio quando non ci sono clienti), e assicurarsi che si familiarizzino con il prodotto che vendono, così da poter svolgere meglio il proprio lavoro". Il corso è stato lanciato nell'aprile del 2017 e fino ad ora ha coinvolto più di 8000 professionisti nel settore da tutto il mondo. 

Kalbaska ha inoltre coordinato il primo MOOC offerto dall'USI legato al tema dell’eTourism: le prime due edizioni hanno attratto oltre 8'000 partecipanti, fra pofessionisti nell'industria del turismo, membri della pubblica amministrazione (dei Ministeri del turismo o di enti turistici regionali) ma anche studenti o professori che usano il materiale del corso nelle loro attività didattiche.

Facoltà

Rubriche