Eventi

Alumni EMScom a sostegno delle borse solidarietà

Servizio comunicazione istituzionale

Gli alumni dell'Executive Master of Science in Communications Management hanno devoluto metà del fondo della loro Associazione alle borse solidarietà dell’USI: i diplomati EMScom hanno così voluto mostrare la loro solidarietà agli studenti. Ne abbiamo parlato con Martin Radtke, ex presidente dell'associazione.

In un momento critico come quello che stiamo vivendo, la EMScom Alumni Association ha deciso di mostrare la sua gratitudine verso l'USI sostenendo gli studenti colpiti dalle conseguenze della crisi Covid. Martin Radtke, diplomato EMScom18 ed ex presidente della EMScom Alumni Association: “I membri della EMScom Alumni Association sono consapevoli che una parte importante della loro esistenza professionale affonda le proprie radici all'USI. All'USI abbiamo allenato il pensiero, accresciuto la conoscenza, affinato le competenze e abbiamo gettato le basi per un impareggiabile network internazionale di esperti di comunicazione".

Fondato nel 1999, fino al 2017 il programma EMScom ha preparato professionisti della comunicazione aziendale per affrontare sfide organizzative complesse e svolgere un ruolo chiave nella gestione strategica della loro organizzazione, portando le relazioni con gli stakeholder e il pubblico al centro della gestione delle organizzazioni. L'internazionalità del programma era garantita dalla collaborazione di lunga data con la UCLA Anderson School of Management (US) e la Singapore Management University (SG), da un corpo docenti di fama internazionale e da partecipanti da oltre 30 Paesi.

La EMScom Alumni Association è stata fondata nel 2000, con il conferimento dei primi diplomi. Nel corso dei suoi 20 anni di vita, l'Associazione ha fornito una piattaforma per il networking e la formazione continua, offrendo ai suoi oltre 300 membri servizi ed eventi come conferenze accademiche e professionali, visite aziendali e incontri informali.

"La EMScom Alumni Association ha deciso di continuare le proprie attività in forma diversa" - conclude Martin Radtke - "Per i soci è stato logico e naturale che la metà dei fondi dell'Associazione venisse utilizzata per sostenere gli attuali studenti dell'USI nel loro percorso per diventare i professionisti di domani. L'altra metà è stata utilizzata per sostenere un progetto di beneficenza con sede a Lugano, che ha fondato un nostro alumno".