Artificialy: una start-up per portare più intelligenza artificiale in Ticino

Foto di Markus Spiske da Pexels
Foto di Markus Spiske da Pexels

Servizio comunicazione istituzionale

Nata in pieno lockdown da COVID-19, la start-up ticinese Artificialy è ormai una realtà. Fondata da Luca Maria Gambardella, professore USI, e Marco Zaffalon, professore SUPSI, con il sostegno di un gruppo di investitori privati e istituzionali, ha l’obiettivo di avvicinare l’AI, l’intelligenza artificiale, al mercato e in particolare alle piccole e medie imprese.

La nuova start-up, che conta per ora sette dipendenti, non nasconde la sua ambizione ad ingrandirsi nel campo dell’AI creando soluzioni innovative nel mondo del business e dell’industria.

Lo scopo ultimo di Artificialy è quello di avvicinare sempre più il mercato all’intelligenza artificiale e per farlo mira a servirsi di prodotti e progetti che possano essere adatti alle logiche e alle esigenze del mercato, spiega Luca Maria Gambardella in un’intervista al Quotidiano RSI.

Potete trovare l’intervista completa qui https://www.rsi.ch/news/ticino-e-grigioni-e-insubria/L%E2%80%99intelligenza-artificiale-a-Lugano-13495396.html

Facoltà

Rubriche