Giovani e attività fisica, uno studio mostra l'importanza dell'ambiente di vita e del ruolo dei genitori

3f8786844f4558ee19bdaa0b2ae3aed3.jpg

Servizio comunicazione istituzionale

8 Settembre 2022

Lo studio SOPHYA (Swiss Children's Objectively Measured Physical Activity), condotto dall'Istituto svizzero di salute pubblica e tropicale (Swiss TPH) in collaborazione con l'Università della Svizzera italiana e l'Università di Losanna, ha analizzato l'attività fisica e il comportamento sportivo di bambini e adolescenti in tutta la Svizzera per un periodo di cinque anni. I risultati mostrano che l'ambiente di vita e i genitori hanno un'influenza significativa sul comportamento di attività fisica nell'infanzia e quindi hanno un impatto a lungo termine sulla salute dei bambini e dei successivi adulti. L'attività fisica non è diminuita durante la pandemia COVID 19.

SOPHYA è il primo studio svizzero a lungo termine che ha misurato in modo oggettivo il comportamento di attività fisica di bambini e adolescenti – per mezzo di un accelerometro – e allo stesso tempo ha indagato i fattori che lo influenzano per mezzo di indagini su attività sportive, famiglia, stile di vita, ambiente di vita e salute.
Tra il 2014 e il 2020 hanno partecipato a questo studio circa 2300 bambini e ragazzi di età compresa tra i 5 e i 20 anni provenienti da tutta la Svizzera. Lo studio ha quindi permesso di esaminare lo sviluppo del comportamento di attività fisica dall'infanzia all'adolescenza e alla giovane età adulta.

Il comportamento di attività fisica nell'infanzia è proseguito in età adulta

Lo studio ha dimostrato che i bambini più attivi fisicamente fin dall'inizio rispetto agli altri bambini della stessa età lo sono anche più avanti nella vita. Mentre i bambini meno attivi hanno avuto meno accesso allo sport o hanno avuto maggiori probabilità di abbandonare i club sportivi, soprattutto da adolescenti. Anche i genitori hanno svolto un ruolo importante: se i genitori stessi erano attivi, anche i figli lo erano di più. Inoltre, l'abbandono della scuola era spesso associato all'abbandono dei club sportivi. "L'obiettivo dovrebbe quindi essere quello di trovare offerte complementari per raggiungere i bambini e i giovani meno attivi in una fase precoce, nonché di creare offerte dopo aver lasciato la scuola per garantire che i bambini e i giovani rimangano attivi nello sport a lungo termine", ha dichiarato Nicole Probst-Hensch. Capo del Dipartimento di Epidemiologia e Salute Pubblica del TPH svizzero e ricercatore principale di SOPYHA.
Le ragazze e le giovani donne erano meno attive fisicamente e atleticamente rispetto ai ragazzi. Una grande differenza è stata riscontrata nei movimenti quotidiani, come andare in bicicletta. In particolare, le ragazze con un background migratorio andavano meno in bicicletta. "Le ragazze e le giovani donne, con particolare attenzione alle donne migranti, dovrebbero quindi essere promosse in modo specifico per quanto riguarda l'attività fisica e il comportamento sportivo", ha dichiarato Probst-Hensch.

Le differenze socioeconomiche hanno avuto un ruolo minore

Il reddito familiare non ha influito sull'attività fisica misurata, ma la partecipazione a club sportivi sì. I bambini e gli adolescenti provenienti da famiglie a basso reddito tendevano ad essere meno attivi nello sport rispetto a quelli provenienti da famiglie a reddito più elevato. Lo sport scolastico volontario ha raggiunto bambini e giovani indipendentemente dal contesto socio-economico.

Un ambiente di vita favorevole all'attività fisica ha avuto un'influenza positiva a lungo termine I partecipanti della Svizzera francese e italiana erano già meno attivi fisicamente nel 2014 rispetto a partecipanti della Svizzera tedesca. Questa differenza, anche se un po' attenuata, era ancora visibile nel 2019. Un ruolo importante è stato svolto da un ambiente di vita favorevole all'esercizio fisico, ad esempio in un contesto di traffico sicuro o con accesso a spazi verdi e aree di gioco. Un ambiente di vita meno favorevole all'attività fisica ha avuto un'influenza negativa sull'attività fisica e sul comportamento sportivo sia a breve che a lungo termine. I bambini provenienti da un ambiente di vita meno favorevole all'attività fisica erano anche meno attivi a cinque anni di distanza rispetto ai bambini provenienti da un ambiente di vita favorevole all'attività fisica.

Effetti positivi sulla qualità della vita

Lo studio ha dimostrato che lo sport e l'esercizio fisico hanno effetti positivi sullo stile di vita, sulla qualità della vita e sulla resilienza allo stress dei bambini e degli adolescenti. Più erano attivi, meno spesso consumavano tabacco e bibite. I bambini fisicamente attivi non hanno avuto più incidenti di quelli inattivi. Allo stesso modo, i bambini attivi hanno avuto meno giorni di malattia rispetto ai bambini meno attivi. "L'attività fisica può quindi contribuire alla salute fisica e mentale", ha dichiarato Probst-Hensch.

I bambini non sono stati meno attivi durante la pandemia di COVID 19

Lo studio ha inoltre esaminato le differenze nel comportamento di attività fisica prima e durante la pandemia COVID-19. È emerso che la pandemia non ha avuto alcun impatto sul comportamento di attività fisica dei bambini dai 5 ai 10 anni. Tuttavia, le ragazze si sono iscritte ai club sportivi in età più avanzata rispetto a prima della pandemia. "Il motivo potrebbe essere la preferenza delle ragazze per gli sport al chiuso, come la danza e la ginnastica, mentre per i ragazzi è stato privilegiato il calcio, che poteva ancora essere praticato all'aperto nonostante la pandemia ed era meno influenzato dalle politiche di protezione", ha dichiarato Johanna Hänggi, coordinatrice del co-studio SOPHYA. Tuttavia, la qualità della vita correlata alla salute è risultata inferiore rispetto al 2014 in tutti i mesi della pandemia, soprattutto in corrispondenza degli alti tassi di infezione e delle pesanti misure di restrizione di marzo e dicembre 2020. "Molti partecipanti hanno dichiarato di far parte di un club sportivo perché apprezzavano i contatti sociali, che hanno avuto un'importante influenza sulla qualità della vita e che sono venuti meno durante questo periodo", ha dichiarato Bettina Bringolf, coordinatrice del progetto SOPHYA.
"I risultati dello studio SOPHYA forniscono importanti basi per la promozione dell'attività fisica e del comportamento sportivo, contribuendo così a migliorare la salute e il benessere di bambini, adolescenti e giovani adulti", ha dichiarato Nicole Probst-Hensch.

Informazioni sullo studio SOPHYA

Lo studio rappresentativo è stato condotto dallo Swiss Tropical and Public Health Institute (Swiss TPH) in collaborazione con l'Institut des Sciences du Sport de l'Université de Lausanne (ISSUL) e l'Università della Svizzera italiana (USI). L'Ufficio federale dello sport (FOSPO) ha fornito un sostanziale supporto finanziario e contenutistico allo studio. Ulteriori contributi sono stati forniti dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e da Promozione Salute Svizzera. Lo studio SOPHYA è stato condotto anche in stretta collaborazione con lo studio Sport Svizzera.

Rubriche