Il mondo a caso?

fe3d4b3c4ee464c7dc38fccf1a88b545.jpg

Master in Philosophy

17 Ottobre 2022

Il mondo a caso? Tre serate di incontri pubblici fra fisica e filosofia sulla natura casuale del mondo quantistico.

Ogni incontro vedrà discutere un filosofo della fisica con Cesare Alfieri, fisico con dottorato ETH Zurigo.

Per motivi organizzativi, è gradita l’iscrizione: [email protected]

Gli incontri avranno luogo a Il Litorale.

 

Gli incontri in dettaglio

 

Venerdì 11 novembre ore 18:00

Il fascino discreto dei quanti
All’alba del XX secolo gli esperimenti minano la rassicurante solidità della fisica ottocentesca. È l’inizio dell’era quantistica, decenni pioneristici in cui una generazione di menti sovreccitate e geniali scopre i mattoni fondamentali della natura dicendoci che, per capirla, dobbiamo rivoluzionare il concetto stesso di comprensione. Racconteremo questa storia, introdurremo le idee e il linguaggio del mondo dei quanti.
In dialogo con Federico Laudisa, professore associato all’Università di Trento.

 

Venerdì 25 novembre ore 18:00

In principio erano i quanti
La nostra possibilità di conoscere il mondo è limitata, la nostra capacità di definirlo è sfocata, la nostra curiosità distrugge ciò che volevamo guardare. Il mondo dei quanti si nasconde nelle pieghe più intime di una realtà che ci è preclusa, che forse nemmeno esiste. Limiti e restrizioni sono imposte dalla teoria che più di ogni altra ci ha portato a realizzare avanzamenti tecnologici mai immaginati prima. Questo suggeriscono i principi della meccanica quantistica di cui parleremo.
In dialogo con Cristian Mariani, ricercatore all’Università della Svizzera italiana.

 

Venerdì 9 dicembre ore 18:00

Quello che i quanti (non) dicono
Tutto è interconnesso nel mondo dei quanti, anche particelle ai capi opposti della nostra galassia. Il Tutto appare più essenziale della somma delle parti, la pluralità infinita dell’universo si riconduce a unità. Seguiamo la meccanica quantistica alla ricerca di qualcosa di fondamentale, la vediamo resistere agli attacchi di chi la definisce paradossale, ci fermiamo se la teoria stessa ammette di essere incompleta.
In dialogo con Claudio Calosi, professore assistente all’Università di Ginevra e docente all’Università della Svizzera italiana.

Facoltà