Eventi

Comitato Scientifico

Riccardo Bocco

Riccardo Bocco è professore di Sociologia politica al Dipartimento di Antropologia e Sociologia del Graduate Institute a Ginevra. Il Vicino Oriente - in particolare la Giordania, Israele-Palestina e il Libano - è stato la principale area geografica della sua ricerca sul campo negli ultimi 35 anni. Ha lavorato sulle questioni correlate alle politiche di sviluppo e di state-building, all’aiuto umanitario e ai rifugiati e all’impatto dell’aiuto internazionale sulle popolazioni civili. Oltre a un dottorato a SicencesPo (Parigi), ha lauree in antropologia culturale, studi sullo sviluppo e arabo. È stato direttore del Centro francese per la Ricerca sul Medio Oriente contemporaneo a Hamman e direttore di ricerca dell’Istituto di studi sullo sviluppo del Graduate Institute di Ginevra. Negli anni 2000, ha diretto progetti di ricerca su larga scala sull’aiuto internazionale in Vicino Oriente per alcune agenzie delle Nazioni Unite. Il suo attuale progetto di ricerca intitolato “Violenza, memoria e cinema” esplora il ruolo dei film e dei documentari nella ricostruzione delle identità collettive durante i conflitti armati (Israele-Palestina), dopo le guerre civili (Libano) e nei contesti post-dittatoriali (Argentina e Cile).

Martino Diez

Martino Diez è direttore scientifico della Fondazione Internazionale Oasis e ricercatore di lingua e letteratura araba presso l'Università Cattolica di Milano. È membro della commissione di studio sul fenomeno della radicalizzazione e l’estremismo jihadista istituita dal governo italiano (Presidenza del Consiglio dei ministri) nel settembre 2016 e ricercatore invitato presso il PISAI (Pontificio Istituto di Studi Arabi e d'Islamistica). Fra le sue pubblicazioni: Introduzione alla lingua araba. Origini, storia e attualità, Vita e Pensiero, Milano 2012; Abû l-‘Alâ’ al-Ma‘arrî, L'epistola del perdono. Il viaggio nell’Aldilà, Einaudi, Torino 2011; Abû t-Tayyib al-Mutanabbî, L’emiro e il suo profeta. Odi in onore di Sayf ad-Dawla al- Hamdani, Ariele, Milano 2009. ​È direttore scientifico della rivista semestrale Oasis, pubblicata in italiano, inglese, francese e arabo e dirige la collana di e-book Meticciati (Marsilio).

Gilles Kepel

Gilles Kepel è un politologo e arabista francese, specializzato nel Medio Oriente contemporaneo e nelle comunità musulmane in Occidente. È professore aggregato della Facoltà di scienze della comunicazione dell’Università della Svizzera italiana. È direttore della cattedra “Medio Oriente e Mediterraneo” presso l’Université de recherche Paris Sciences et Lettres, con sede all’École Normale Supérieure. Kepel è laureato in filosofia, inglese e arabo, ha un dottorato di ricerca in Sociologia e l’abilitazione a direttore di ricerca in Scienze politiche. Ha iniziato a occuparsi dei movimenti islamisti contemporanei a partire dal suo dottorato nel 1983. Visiting professor alla New York University e alla Columbia University, è stato nominato Senior Fellow all’Istituto Universitario di Francia dal 2010 al 2015. Ha fondato ed è stato direttore generale della collana “Proche Orient” delle Presses Universitaire de France, nella quale sono stati pubblicati 23 volumi dal 2004 al 2017. I suoi libri, fra cui La Rivincita di DioJihadAscesa e declino, sono stati tradotti in una dozzina di lingue. Il suo ultimo libro, Sortir du Chaos: Les crises en Méditerranée et au Moyen-Orient (Éditions Gallimard), apparso in Francia nell’autunno 2018, è in corso di traduzione in italiano. 

Silvia Naef

Silvia Naef è professore ordinario presso il Dipartimento di Studi Arabi dell’Università di Ginevra, dove ha ottenuto il dottorato nel 1993 con una tesi sull’arte moderna nel mondo arabo (pubblicata nel 1996). Attualmente, le sue ricerche si concentrano sull’arte moderna, le rappresentazioni visuali e le immagini del mondo arabo e islamico. Si interessa anche alle questioni di genere. Nell’aprile 2013 ha organizzato, in collaborazione con la professoressa Yasmina Foehr, un convegno sul velo e sul corpo femminile, da cui è stato tratto un libro. È stata la responsabile scientifica del progetto quadriennale Sinergia Altre modernità: patrimonio e pratiche dell’espressione visiva fuori dall’occidente, finanziato dal Fondo Nazionale Svizzero per la ricerca scientifica (2013-2016), co-diretto dalla prof.ssa Irene Maffi (Università di Losanna) e dal professor Wendy Shaw (Libera Università di Berlino). È stata visiting professor all’Università di Toronto (2007-2009), all’Università di Sassari (2012), all’École Normale Supérieure a Parigi (2016) e research fellow a Göttingen (2013) e Princeton (2003).

Hela Ouardi

Hela Ouardi è professore all'Université de Tunis dove insegna Letteratura e cultura francese. È anche membro del Laboratoire d'études sur les monothéismes (Laboratorio di Studi sui  monoteismi) del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica a Parigi. Oltre a diversi lavori nel campo della critica letteraria e della storia delle idee, è interessata all’Islamologia. Ha coordinato la riedizione critica della Chrestomathie arabe (Crestomazia araba) di Antoine-Isaac Silvestre de Sacy (P.U.F., 2008) e ha pubblicato De l’autorité en Islam’ (Sull’Autorità in Islam) sulla rivista francese ‘Le Débat’, (Gallimard, 2012). Si dedica in particolar modo allo studio delle origini dell’Islam. È autrice del libro Les derniers jours de Muhammad (Gli ultimi giorni di Maometto), (Albin Michel, 2016).

Reinhard Schulze

Reinhard Schulze ha fatto studi di islamistica, lingue romanze e linguistica all’Università di Bonn, dove ha ottenuto nel 1981 un dottorato con una tesi sulla ribellione dei Fella egiziani. Ha ottenuto l’abilitazione nel 1987, con il sostegno del DFG, con i suoi studi sulla storia della Lega musulmana mondiale. Dal 1987 al 1992, ha lavorato come professore di filologia orientale all’Università di Bochum, e dal 1992 al 1995 come professore di studi arabi e islamici all’Università di Bamberg. Dal 1995 è professore ordinario di studi islamici e filologia orientale moderna all’Università di Berna, dove dal 1998 al 2001 è stato capo della Pianificazione della Facoltà di Storia e Filosofia.

Salim Daccache