Città in frammenti. Un viaggio virtuale dalla Siria all'Iraq

Quali radici s’abbarbicano, quali rami crescono / Su queste macerie? (T.S. Eliot, La Terra desolata, 1922) - foto: Mossul; fonte: Iconem
Quali radici s’abbarbicano, quali rami crescono / Su queste macerie? (T.S. Eliot, La Terra desolata, 1922) - foto: Mossul; fonte: Iconem
Aleppo, Moschea degli Omayyadi - fonte: Iconem
Aleppo, Moschea degli Omayyadi - fonte: Iconem
Aleppo, città vecchia - fonte: Iconem
Aleppo, città vecchia - fonte: Iconem
Palmira - fonte: Iconem
Palmira - fonte: Iconem
Mossul - fonte: Iconem
Mossul - fonte: Iconem

Servizio comunicazione istituzionale

8 Agosto 2019

L’USI dedica una mostra aperta al pubblico a quattro città ridotte a macerie dai conflitti: Damasco, Aleppo, Palmira e Mossul. La mostra si terrà a margine del MEM Summer Summit il 24 e 25 agosto al Palazzo dei Congressi di Lugano e sarà suddivisa in tre momenti: fotografico, documentario con un cortometraggio del giornalista RSI Roberto Antonini ed esperienziale con una camera immersiva di realtà virtuale realizzata da e−REAL. L’entrata è libera, previa iscrizione https://www.mem-summersummit.ch/it.

La mostra si compone anche di immagini realizzate da Iconem, ente che si occupa della ricostruzione virtuale del patrimonio a rischio. Yves Ubelmann, presidente e cofondatore di Iconem, racconta come è iniziata la sua attività: «otto anni fa lavoravo come architetto in Afghanistan, dove ho visto distruggere siti di interesse culturale molto rapidamente. Abbiamo iniziato a mappare e fare copie digitali di questi luoghi grazie a droni e alla fotografia tridimensionale: dati utili alla trasmissione della memoria, ma in vista della ricostruzione. In seguito sono scoppiati i conflitti in Siria e in Iraq. Di fronte all’urgenza ci siamo mossi immediatamente, ma ad esempio a Palmira siamo arrivati tardi.” Yves Ubelmann è stato testimone diretto di come la distruzione del patrimonio culturale sia legata a doppio filo con quella della popolazione. Quando a essere distrutti sono siti dichiarati dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità si suscita l’indignazione internazionale: a Palmira l'auto proclamato Stato Islamico ha deliberatamente voluto cancellare arte e storia, sfruttando la risonanza data dai media con un effetto di spettacolarizzazione. I danni hanno toccato il sito archeologico, i templi di Bel e di Baalshamin, l’Arco di trionfo e le colonne nella Valle delle tombe. “A Palmira siamo per lo meno riusciti a mettere la nostra tecnologia a servizio della storia contemporanea, documentandone la distruzione e permettendo al contempo di immaginarne la ricostruzione.”

La mostra è proposta a margine della seconda edizione del Middle East Mediterranean Summer Summit che dal 15 al 25 agosto 2019 porterà a Lugano un centinaio di giovani provenienti da 25 diversi Paesi della regione del Medio Oriente Mediterraneo e dell’Europa, nonché alte autorità politiche, dirigenti, imprenditori e intellettuali, per discutere e proporre soluzioni per il dialogo e lo sviluppo nella regione.

 

Informazioni pratiche

  • Orario: sabato 24 agosto ore 8.00-18.00 e domenica 25 agosto ore 8.00-15.00
  • Ingresso libero, previa registrazione all’evento (sul sito o sul posto)
  • Età minima per la camera immersiva: 10 anni

 

Rubriche

Eventi
18
Agosto
2022
18.
08.
2022
22
Agosto
2022
22.
08.
2022

International Multigrid Conference 2022 (IMG 2022)

Facoltà di scienze informatiche
04
Settembre
2022
04.
09.
2022

Swiss Summer School 2022

Accademia di architettura
14
Settembre
2022
14.
09.
2022
15
Settembre
2022
15.
09.
2022

USI Welcome 2022

Accademia di architettura, Facoltà di comunicazione, cultura e società, Facoltà di scienze biomediche, Facoltà di scienze economiche, Facoltà di scienze informatiche
16
Settembre
2022
16.
09.
2022

Giornata di economia politica 2022

Facoltà di scienze economiche
17
Settembre
2022
17.
09.
2022