Una professionista che sa come arrivare molto in alto

Servizio comunicazione istituzionale

26 Agosto 2021

La campionessa del mondo di bouldering Petra Klingler ha tenuto il keynote speech alle laureate e ai laureati dell'USI, che si sono riuniti il 3-5 settembre in occasione dei 25 anni dell'Università della Svizzera italiana. A tema un argomento trasversale, di interesse per gli alumni di tutte le Facoltà dell'USI: lo sviluppo personale e la gestione di sé, elementi chiave per un'atleta e una professionista che ha raggiunto i massimi livelli della sua disciplina e che ha appena rappresentato la Svizzera ai giochi olimpici di Tokyo. 

Petra Klingler, 27 anni, di Berna, è stata la prima atleta svizzera in ordine di tempo a qualificarsi per i Giochi Olimpici di Tokyo 2021. Nel Boulder - una delle tre specialità, con il Lead e lo Speed, dell'arrampicata sportiva - è già stata campionessa del mondo nel 2016 a Parigi e bronzo europeo a Monaco l'anno successivo. La sua storia fatta di obiettivi, determinazione e anche di molte cadute sarà fonte di ispirazione per i numerosi laureati che - nel mezzo della propria carriera professionale - hanno deciso di tornare sui campus, a Mendrisio e a Lugano, per incontrare nuovamente le professoresse e i professori della loro alma mater, frequentare una lezione, ripercorre la storia e i traguardi raggiunti sino ad oggi dall’USI e condividerne i piani di sviluppo per il futuro. Ecco un assaggio dell'esperienza di Petra Klingler, ha tenuto la sua conferenza sabato 4 settembre alle 14.30 sul Campus Est a Lugano.

Il bouldering consiste in una breve arrampicata libera, senza sicurezza: come considera il fatto di cadere?

Nel bouldering non vedo la caduta come un rischio. Fa parte della formazione. Probabilmente cadiamo più volte di quante non ci arrampichiamo su un percorso. Negli anni di arrampicata ho imparato a cadere nel modo giusto. Riesco a capire il momento esatto in cui sto per atterrare sul tappetino e come si comporta il mio corpo nello spazio. Inconsciamente so come si comporta il mio corpo ogni volta che mi muovo, cosa prova quando mi muovo ma anche come reagisce quando cado. Un po' come un gatto, solo che non sempre atterro in piedi, ma più spesso sul sedere.

È importante non avere paura, ma è altrettanto importante essere presenti per evitare infortuni. Mi capita spesso di fare qualche movimento non perfetto in allenamento, in quel momento, osservo il modo in cui cado per imparare dai miei errori. Nuovi movimenti portano sempre nuove possibilità di caduta. Soprattutto negli ultimi anni, dove lo stile boulder si è sempre più sviluppato con i salti coordinati.

Prevenire gli infortuni in generale, ma anche cadere, è anche quello un modo per allenare e potenziare i muscoli e di conseguenza aumentare la propria forza.

Ci racconta la sua personale ricetta per rialzarsi?

Nel boulder e nell'arrampicata, cadere e fallire è parte del processo. Se non ci provi, non saprai se puoi farcela.

Il momento più difficile è la partenza. Il momento in cui il mio piede lascia il tappeto e segna l'inizio ufficiale del mio tentativo. È il momento in cui mi assumo il rischio di fallire. Ma allo stesso tempo, è anche il momento di qualcosa di grande, un piccolo viaggio verso il successo.

Ogni singola parete è un piccolo progetto, un piccolo traguardo che voglio raggiungere. E con essa accetto la sfida e l'eventuale fallimento. Se fallisco, devo letteralmente alzarmi, riprendermi e riprovare. In gara ho cinque minuti per boulder. Ciò significa che dopo un primo tentativo devo vedere quanto tempo mi rimane e poi procedere tatticamente. Studio di nuovo il percorso e analizzo cosa avrei dovuto fare meglio. Creo un nuovo piano, mi concentro su qualcosa di specifico e mi preparo di nuovo, ricordandomi anche di riposare a sufficienza! Faccio un respiro profondo e riprendo.

Cerco di gestire la mia vita di tutti i giorni come affronto ogni parete. Mi sono resa conto che più grandi sono gli obiettivi, più in basso puoi cadere. Ma è lo stesso processo per rimettersi in piedi. Anche se ci vuole più tempo, il primo passo è sempre alzarsi. A volte hai bisogno di aiuto e forza dall'esterno.

L'ho appena sperimentato con i Giochi Olimpici. Sono stati una grande lezione per me. Rialzarmi, raccogliere le energie e digerire la delusione mi è costato più energia della competizione stessa.

Mi aiuta avere qualche giorno da dedicare a me stessa. Per pensare alle sconfitte e concedermi del tempo per essere triste. Mi aiuta parlare con amici e familiari, fare nuovi progetti, definire nuovi obiettivi e tornare alla solita routine. Come si dice, lo spettacolo continua... e deve continuare... 

Nella sua disciplina sono importanti la forza, ma anche il dinamismo: come concilia questi due aspetti apparentemente in contrasto?

Potenza e dinamica non sono ai poli opposti. Sono due diversi tipi di forza e vanno di pari passo. Se sono più forte, migliorerà anche la mia potenza esplosiva e con essa la mia dinamica. La sfida, tuttavia, è usare la giusta quantità di potenza al momento giusto. In che momento devo saltare? Quando devo fare movimenti statici?

Durante gli allenamenti è importante imparare a sentire queste differenze. Quando premere sull'acceleratore, quando premere sul freno. Ma se poi ci si sente nervosi, tutto cambia di nuovo e va tenuto in considerazione nella competizione.

Ci spieghi come, dal basso della parete da arrampicata, decide la sua strategia per affrontare la gara.

È difficile esprimere a parole esattamente quello che penso quando mi trovo di fronte a un problema di boulder.

Per prima cosa guardo le prese, penso a come sono progettati i movimenti e quale potrebbe essere l'idea. Spesso ci sono diverse possibilità e intuizioni e con l'aiuto della mia esperienza riesco a trovare una soluzione. Molte cose mi passano per la testa, appaiono immagini e in qualche modo vedo i movimentida fare davanti a me. Questo processo può richiedere da cinque secondi a 45 secondi, a seconda della complessità del boulder e della mia capacità di trovare una soluzione.

Quando affronto la parete, di solito ho un piano A ma anche un piano B e C. È fondamentale essere attivi e adattare i movimenti durante l'arrampicata. Regolare i piedi e la posizione del corpo. Spesso è il mio istinto che mi guida attraverso i movimenti.

Quanto è importante la disciplina personale per raggiungere questi traguardi?

Secondo me la disciplina è un aspetto cruciale per raggiungere grandi obiettivi. Poi ci sono atleti che sono estremamente talentuosi e anche molti che lavorano sodo e si allenano tanto. Ma per eccellere in quello che fai hai bisogno del giusto equilibrio e della ricetta giusta per te. Non tutti funzionano allo stesso modo, ma per me è sempre stato molto importante mantenere la disciplina. Mi ha aiutato a mantenere la concentrazione e a tenere il passo. La disciplina mi dà una struttura. Ma ci deve anche essere un momento in cui puoi scatenarti. È importante distinguere tra le fasi in cui la disciplina è cruciale e quelle in cui non è così importante e la motivazione generale ti guiderà a fare le cose giuste.

Lei ha studiato sport e psicologia: vuole darci qualche consiglio più generale, per trovare la forza mentale e mantenere alta la motivazione anche nei contesti professionali? 

Esiste una formula di base per la struttura, la funzione della persona e l'ambiente.

La motivazione nasce dall'interazione di fattori che risiedono all'interno della persona (motivi, bisogni, interessi, obiettivi) e fattori che risiedono nell'ambiente (opportunità, requisiti, incentivi). Ciò significa che, per mantenere alta la mia motivazione, ho bisogno di sapere perché voglio farlo ed essere coinvolto nel processo decisionale e con questo anche assumermi la responsabilità.

Inoltre, ci sono altri fattori, come l'intensità (soprattutto per la concentrazione), così come i processi affettivi e cognitivi. Ciò include, ad esempio, l'ambiente percepito soggettivamente. Pertanto, ogni persona agisce in modo diverso.

Come tutti sappiamo, non basta porsi un obiettivo. Rompere le abitudini richiede forza di volontà, energia. Personalmente, mi aiuta fare un piano chiaro - scritto a mano - per essere consapevole di cosa devo fare per raggiungere l'obiettivo e ciò rende l'obiettivo più tangibile.

Un altro aspetto di grande importanza, è l'atteggiamento di base nell'affrontare un progetto o un obiettivo. Se punti al successo, dovrai canalizzare più energia.

  • Persona motivata al successo: ottimista e di mentalità aperta
  • Persona motivata dal fallimento: apprensione e dubbio (fallimento davanti agli occhi

Se siamo sempre consapevoli di qual è il nostro obiettivo e di dove ci troviamo, creiamo una tensione strutturale. La tensione tra lo stato attuale e lo stato dell'obiettivo ci aiuta a mantenere la motivazione. Perché per ridurre una tensione bisogna accorciare la distanza.

 

 

 

 

 

Rubriche