USI e Bally insieme per digitalizzare l'archivio storico del noto marchio della moda

af633923a680b4222c6a76f355825ae2.jpg
d733c4b814fa438e6a01957e9dcb0d89.jpg
5cfcad311dbd9f042699104b6c888d61.jpg
911dd2a83439b947cbb8eb8fbec42b08.jpg
231d27a0c2fb40fc1a98e976f625d51c.jpg
3c11bfd464ef94fe0dc6fd9a91a84796.jpg
995474901b3962652d9b9cac8635fd5e.jpg
d54b55e229b68f2de2ca111c20b3baf5.jpg
614932e54668c90955c254af0c3daf53.jpg

Servizio comunicazione istituzionale

21 Marzo 2022

Il progetto Heritage and Innovation mira a digitalizzare l'imponente archivio storico di Bally che, come ha affermato Maria Aguado Cabrera, responsabile del progetto per l'azienda: "è un patrimonio attivo che genera idee, non il semplice deposito di un'eredità". La collaborazione permetterà di digitalizzare l'importante archivio di Bally, che comprende più di 30'000 scarpe - una delle collezioni più grandi al mondo per numero di calzature e varietà della loro provenienza geografica e storica - materiale a stampa, video e fotografico. Parte dell'archivio, prima esposto nel Museo Bally della scarpa a Schönenwerd, nel Canton Soletta, dove ha avuto origine l'azienda, troverà nuovi spazi espositivi presso il Bally Heleneum Lab a Lugano.

La collaborazione con USI riguarda sia la creazione di esposizioni digitali, capaci di far conoscere la storia della scarpa e della calzatura a pubblici nuovi e secondo modalità innovative, sia un arricchimento digitale dell'esposizione fisica, attraverso la realtà virtuale e aumentata, la stampa 3D e altre tecnologie. Secondo il professor Lorenzo Cantoni, direttore dell'Istituto di tecnologie digitali per la comunicazione dell'USI e direttore del Master in Digital Fashion Communication, "si tratta di una tappa importante in un percorso di collaborazione già iniziato, che permetterà di mostrare quanto la collaborazione fra aziende e università possa essere feconda e mutualmente arricchente. Le esposizioni legate al settore della moda - ha aggiunto - sono passate dall'essere la Cenerentola dei musei all'attrarre pubblici sempre più vasti e un interesse crescente, che vede la moda come uno dei settori privilegiati dove studiare la storia del costume".

Questa iniziativa - che s'inquadra entro l'associazione LifeStyle-Tech Competence Center - rafforzerà l'approccio di Bally verso un modello operativo basato sul digitale: creando un archivio digitale (tagging e metadati inclusi), il dipartimento creativo di Bally potrà facilmente consultare i design passati traendone ispirazione per le creazioni future. L'accordo triennale, firmato il 10 marzo scorso, sancisce la collaborazione tra Bally, Hyphen e USI, che svolgeranno il progetto anche con il sostegno di altri partner tecnologici: Microsoft e Moresi. 

_______________

L'Associazione LifeStyle-Tech Competence Center (LTCC)
Scopo dell'associazione - che ha l'USI tra i suoi membri fondatori - è promuovere e sostenere, nel quadro dell'Innovation Park Ticino, le imprese innovative che svolgono attività di ricerca e sviluppo nel settore LifeStyleTech, FoodTech, FashionTech, TravelTech e simili, al fine di migliorare la loro competitività con impatto positivo sulla società in termini economici, di posti di lavoro qualificati e di qualità della vita. L'Associazione intende in particolare favorire le sinergie fra i partner rilevanti e la creazione di un centro di competenza dedicato alle industrie del LifeStyle, sostenendo la crescita organica della comunità a livello svizzero e internazionale. In particolare, l'Associazione intende promuovere la collaborazione fra aziende e istituti accademici, favorendo il trasferimento di tecnologia e del sapere. 

Rubriche