Online la versione in lingua francese dell'EJO

Servizio comunicazione istituzionale

31 Ottobre 2017

Il network dell’EJO - iniziativa nata all'USI nel 2004 che raggruppa 14 istituzioni di ricerca in 11 Paesi diversi - si arricchisce di una nuova versione linguistica, il francese, grazie a un nuovo partner francofono: l’Académie du journalisme et des médias (AJM) dell’Università di Neuchâtel.

In linea con le attività dell'EJO, questo nuovo partner promuoverà il dibattito pubblico sul giornalismo e l'informazione contemporanea, grazie ad un finanziamento iniziale del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica. Non si tratta di una semplice traduzione di quanto esiste già: il sito viene infatti inaugurato oggi con contributi originali che provengono da personalità attive nei media e da specialisti della comunicazione francofoni.

La versione francese dell’EJO debutta con – tra gli altri – una riflessione di Eric Scherer (Direttore di Future Media, France Télévisions), che parla della necessità e dei limiti dell’appropriazione da parte del giornalismo di nuovi strumenti tecnologici, e con la pubblicazione dei primi risultati di una ricerca del Fondo nazionale francese per la ricerca scientifica sul ricorso alla crittografia da parte di giornalisti e attivisti.

Questi nuovi contenuti provenienti dal mondo francofono – creati sotto la supervisione della Prof. Annik Dubied dell'Università di Neuchâtel – potranno a loro volta essere tradotti nelle altre 13 lingue. L’EJO rafforzerà così la propria missione di contribuire al miglioramento qualitativo della professione completando la propria offerta in Svizzera e in Europa.

Il Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica (FNS) ha finanziato questo progetto nel quadro del programma AGORA, che mira a favorire la diffusione della scienza presso il grande pubblico.

Facoltà

Rubriche