Eventi
Dicembre
2018

La delusione del potere digitale

Servizio comunicazione e media

Data: / -

Aula A21 (Palazzo rosso), USI campus di Lugano

Chi sono i padroni della rete e del mondo digitale e in che modo esercitano il loro controllo sulla società e l'economia connessa? Negli ultimi anni i grandi colossi della Silicon Valley hanno esteso la loro forza oltre Internet e verso un numero sempre crescente di ambiti del contemporaneo, offrendo servizi gratuiti anche in settori ben più ampi di quelli originari. I dati degli utenti sono diventati la nuova moneta di scambio di questo sistema e aziende come Facebook, Google e Amazon hanno ora tra le mani enormi quantitativi di informazioni (i cosidetti Big Data) su cui basare i servizi fondamentali che in futuro saranno basati sull'intelligenza artificiale e sul machine learning: un potere che sembra superare addirittura quello degli stessi Stati sovrani. Il recente caso di Cambridge Analytica ha gettato luce sui meccanismi di funzionamento del capitalismo della sorveglianza e impone una riflessione sulle dinamiche di potere di questo sistema.

La serata di discussione, proposta dall'Istituto media e giornalismo dell'USI (IMeG, Facoltà di scienze della comunicazione), vedrà l'intervento di Evgeny Morozov (Bielorussia, 1984), uno dei maggiori studiosi contemporanei della rete e degli effetti sociali della tecnologia. Negli ultimi anni Morosov è stato recercatore presso Georgetown University, Stanford University, Open Society Foundations, New America Foundation e l'American Academy di Berlino. I suoi articoli sono pubblicati, tra gli altri, da The Guardian, The New YorkerThe New York TimesThe Wall Street Journal, Financial Times e anche nel mondo italofono è conosciuto per i suoi interventi sui più prestigiosi quotidiani e settimanali italiani. Morozov è autore di L'ingenuità della rete (Codice, 2011), Internet non salverà il mondo (Mondadori, 2014) e Silicon Valley: I signori del silicio (Codice, 2016). Nel 2018 la rivista Politico lo ha inserito tra i 28 intellettuali più influenti d'Europa.

La conferenza è aperta al pubblico e si terrà in lingua inglese.

Facoltà