Eventi
Giugno
2017
Settembre
2017

Bachelor in Lingua, letteratura e civiltà italiana

La letteratura è della stessa natura dell’acqua: serve «A scavar pietre, a nutrire arcobaleni. / […] / Quanto è leggero tutto questo in una goccia di pioggia. / Con che delicatezza il mondo mi tocca» (Wisława Szymborska, L’acqua). La letteratura dunque non è un contenuto, ma quello sguardo che fa del mondo una goccia di rugiada, che si lascia contemplare «in piccole eternità» (Szymborska, La gioia di scrivere). La letteratura è il continente del gratuito. La gratuità “la si vede dopo” averla riconosciuta (da ciò la riconoscenza), tanto essa passa naturalmente silente, discreta, impercettibile. Come a Emmaus.

La letteratura italiana, in siffatto universo, è una risorsa e una sete, un bene che appaga e mette in via: «Mentre che piena di stupore e lieta / l’anima mia gustava di quel cibo / che, saziando di sé, di sé asseta» (Dante, Purgatorio, XXXI, 127-129). Nulla dura nella mente quanto un mondo non negoziabile dagli eventi, non corroso dal tempo, lieve e perfetto come «un’imagine salda di diamante» (Petrarca, RVF, CVIII).

Tale è la letteratura italiana: testo e «imagine». La civiltà italiana ha nutrito il mondo delle sue immagini: il dito di Dio e quello dell’uomo, nel riquadro della Creazione d’Adamo nella Cappella Sistina, sono non solo poesia e affresco, ma il simbolo più largamente riprodotto, dai francobolli alle scatole di fiammiferi, nel mondo intero.
La letteratura e civiltà italiana, arti, lettere, musica, ci conducono attraverso questo universo di segni viventi, per renderci cittadini del continente umano.

Il programma di Bachelor in Lingua, letteratura e civiltà italiana, offerto dall’Istituto di studi italiani, propone un viaggio in questo continente, con la guida di un corpo docente di formazione e di prestigio internazionale.

Il programma contempla e contempera le esigenze curricolari necessarie per chi desideri poi continuare la formazione in Svizzera o desideri invece proseguirla in Italia, offrendo un alveo principale di specializzazione (la Lingua e la Letteratura italiana) e un secondo ambito di studi (la Storia dell'arte, la Storia, la Storia della filosofia o le Scienze della comunicazione).

Il percorso formativo offre, accanto alle attività di studio in sede, seminari residenziali in Italia e cicli di approfondimento (Lectura Dantis, i monologhi di artisti Per voce sola, le lezioni di analisi del tempo presente Qui e ora) aperti anche alla cittadinanza.