ChatGPT per tutti, l'intelligenza artificiale ha riempito il Campus Est

e6a7dcdb2f51a1f28cc88ecf27f63c37.jpg
b14c19cf85ee28859edebf30e9faca31.jpg
2ce695a8967406efe0dafca9f6207c40.jpg
1f29d04fcc25dd35b7d37e2c45f19e91.jpg
843e9f41fb1afe11d8786a8668de965a.jpg
f51c1533c9da7a905b09210587588016.jpg
fc260a1250c7c08faa39a61d90395da4.jpg

Servizio comunicazione istituzionale

3 Aprile 2023

L’Università della Svizzera italiana si è confermata, venerdì pomeriggio, come uno dei luoghi in cui discutere di Intelligenza artificiale, unendo alla ricerca accademica di punta l’attenzione ai temi etici e sociali e alla comunicazione. L’incontro ChatGPT per tutti, nell’Aula polivamente del Campus est Lugano, ha visto la partecipazione di un folto pubblico di tutte le età. A presentare la popolare applicazione sviluppata da OpenAI, il professor Luca Maria Gambardella, tra i maggiori esperti internazionali di intelligenza artificiale, e Andrea Scarinci di Lugano Living Lab.

Dopo una introduzione sullo sviluppo dell’intelligenza artificiale e le varie tecnologie disponibili, il professor Gambardella si è soffermato sul deep learning o apprendimento profondo, sistema utilizzato anche da ChatGPT: una rete neurale artificiale che apprende da grandi quantità di dati come svolgere determinati compiti, come scrivere testi o rispondere a domande. A volte capita che i dati di addestramento contengano pregiudizi o discriminazioni che vengono poi incorporati nel sistema ma, come ha precisato il professor Gambardella, l’intelligenza artificiale non crea questi pregiudizi ma al contrario aiuta a renderli evidenti.

All’Università della Svizzera italiana questi temi sono studiati approfonditamente non solo da punto di vista tecnologico, ma anche per le implicazioni etiche, sociali e filosofiche. Il professor Gambardella ha concluso il suo intervento evidenziando due possibili rischi: da una parte la pigrizia nel delegare sempre più compiti a ChatGPT e sistemi simili; dall’altra la perdita di senso critico nei confronti delle informazioni. Rischi che sono stati anche al centro delle dimostrazioni di Andrea Scarinci che ha mostrato come sia relativamente facile far scrivere a ChatGPT dei testi contenenti informazioni false e assurde, aggirando anche i filtri introdotti dai realizzatori.

 

Facoltà

Rubriche

Eventi
17
Luglio
2024
17.
07.
2024
19
Luglio
2024
19.
07.
2024
22
Luglio
2024
22.
07.
2024

PyTamaro Summer Academy 2024

Facoltà di scienze informatiche
30
Luglio
2024
30.
07.
2024
01
Agosto
2024
01.
08.
2024